Blog

Lasciati Ispirare

Mappa

Contatti

Top
alici di menaica

Il sapore del mare: alici per tutti i gusti

Per un territorio che si affaccia sul mare, il pesce non può che essere parte preziosa della tradizione alimentare. Nella costiera cilentana lo è in particolare il pesce azzurro. Le alici, soprattutto, che noi ritroviamo in diverse preparazioni. Marinate con olio e limone, “ammollicate” (con imbottitura di mollica di pane e spezie varie), “inchiappate” (farcite con formaggio caprino e uova, infarinate e fritte, con salsa di pomodoro), in tortiera con aglio, prezzemolo e pangrattato, con il sugo quale condimento per gli spaghetti.

alici di menaica cilentoIn versione stagionata, sono conservate sott’olio o sotto sale. Ma una produzione davvero emblematica, riconosciuta Presidio Slow Food, sono le “alici di menaica”. La pesca avviene con speciali reti artigianali (le “menaiche”) che catturano solo le alici più grandi trattenendole in modo che si dissanguino già in acqua. Le alici sono poi messe in salamoia, poste col sale in vasetti, coperte e pressate e lasciate stagionare per diversi mesi. L’esito è una carne chiara tendente al rosa dal gusto intenso e delicato.

Tenutaria di quest’antica tecnica di pesca e di questa piccola produzione di eccellenza è Marina di Pisciotta, dove ancora alcuni pescatori conservano questa tradizione che si ritrova anche ad Acciaroli, altro centro costiero dove la pesca è fortemente radicata. Come pure nel vicino borgo marinaro di Pioppi dove tipiche sono le alici “a maruzzella”: aperte e riempite di pane raffermo, avvolte su se stesse, condite con olio, aglio e prezzemolo e poi cotte al forno o alla brace.

Produttori Alici di Menaica

Alici di menaica s.r.l. di Donatella Marino
San Marco di Castellabate (Sa)
località Annunziata
Via Giovanni Romito
tel. 347 4439102
340 3380231
www.alicidimenaica.it

Laboratorio prodotti tipici del Cilento e punto vendita
Via Lungomare Colombo, 31, Castellabate

Donatella mette sotto sale le alici pescate dai pescatori del Presidio: Gerardo Cammarano, Giuseppe Cammarano, Pasquale Cammarano, Raffaele Cammarano,Vito Cammarano, Francesco Coppola, Carmine Fedullo, Saverio Greco, Vittorio Rambaldo.

Grazie al Presidio i visitatori interessati a scoprire questa antica tecnica di pesca sono aumentati e ogni anno, nei mesi di marzo e aprile, quando il mare è più calmo e pescoso, i pescatori si organizzano per la pesca turismo. E’ possibile salire con loro sulle imbarcazioni, seguire da vicino la pesca e poi consumare a bordo il pasto frugale ma saporitissimo dei pescatori pisciottani: l’insalata di alici fresche (per fare pesca turismo telefonare a Pasquale Cammarano, tel. 347 8260211).

fonte: https://www.fondazioneslowfood.com/

scrivi un commento